OROLOGI ELETTRICI
OROLOGI ELETTRICI

OROLOGI … MA NON SOLO

 

 

 

-=oOo=-

 

Lasciando da parte gli  orologi elettrici divertiamoci a cercare qualche particolarità che caratterizza, alle volte, i nostri amati segnatempo

 

Spesso, a rendere accattivante un orologio, più che le sue funzioni la sua utilità o comodità d’uso (a parte i casi in cui è il solo marchio a far diventare status symbol un certo modello), è la forma creata da qualche famoso designer: ad essi è dedicata tutta la prima parte del testo “Watch” di Doensen (DO): non possiamo che richiamare le relative pagine:

 

http://doensen.home.xs4all.nl/contents.html?

 

L’indice elenca, da 1 a 25, nomi famosi quali Bertone (chiamato improbabilmente “Guccio”, alla pagina: http://doensen.home.xs4all.nl/c4.html ), Rudi Meyer e Roger Tallon (in particolare per i Lip), Richard Arbib (Hamilton), André Le Marquand (Spaceman Audacieuse)  e, al numero 26 (miscellanea), modelli singolari quali i GP “driver” con display a LED, il Longines Comet a dischi rotanti, lo Zodiac “Astrographic, etc.

 

personalmente sono ancora affascinato dalla linea del “Catwalk” di Baume & Mercier, il cui design è stato anche copiato ma non eguagliato da altre Case. il modello è della fine degli anni ’90, il quadrante è un po’ piccolo per la moda di oggi, ma, come modello per Signora, lo trovo sempre stupendo:

 

 

questo esemplare non è di un designer famosissimo ma vi stupirà:

 

 

 

....  sembra di forma cubica ... ma com'è in realtà?

 

 

 

... cliccate il bottone in basso!

 

che cosa si può  avere di diverso dalla classica cassa con un quadrante perlopiù circolare e due-tre lancette (per i puristi: sfere) che indicano ore minuti e secondi?

 

può indicare due orari differenti, come questo Kienzle di produzione contemporanea (con due separati movimenti al quarzo)

 

 

 

i due orari, solitamente, sono indicati sovrapposti

l’impostazione classica è quella con la cassa a forma “tank” come p.es.  nei modelli Cartier, Bulova o Baume & Mercier  (vedi l’elegantissimo Hampton dual time ref. MOA06449), o nell'Hamilton qui a lato 

 

alle volte i quadranti sono affiancati (l’orologio risulta però un po’ massiccio)

 

un’intera pagina dedicata su questo blog:

 

http://watchismo.blogspot.it/2007/06/watchismo-times_14.html

La finalità è quella di avere contemporaneamente l’ora di due fusi orari, quello di casa propria e quello del paese in cui si viaggia. Perlopiù è sufficiente una sfera supplementare che indichi le 24 ore, come negli orologi GMT: se n’è parlato a proposito dei Bulova Accutron “Astronaut” (con lunetta girevole il Mark I cal. 214 HN e con disco girevole interno o con l’indicazione dentro una  finestrella come nelle due versioni del Mark II – calibri 2185 e 2186). I GMT sono numerosissimi e di tutte le marche, alcuni hanno una lunetta con i nomi delle città principali nei diversi fusi orari

 

 

 

 

 

 

 

l’indicazione dei minuti può essere più in evidenza rispetto a quella delle ore, come nei cosiddetti  “regolatori”:  qui ne abbiamo  uno dalla linea vintage ma di produzione contemporanea

 

 

 

 

 

 

 

il quadrante può avere celle solari per la ricarica della batteria (o condensatore) come in questo progenitore del Citizen “Eco-Drive”:

 

 

 

 

 

 

 

oppure può essere … di pietra dura come in questo singolarissimo ENICAR:

 

 

 

 

 

 

 

 

o … non esserci del tutto, come nei modelli “scheletrati”, uno per tutti il Bulova Accutron Spaceview, qui in una delle numerose diverse varianti prodotte con il cal. 214:

L’orologio può avere la sveglia – moltissime Case ne hanno prodotto almeno un modello

gli “svegliarini” più famosi sono senz’altro lo Jaeger-Le Coultre “Memovox”, il Vulcain “Cricket”, l’Omega “Memomatic”, etc.; questo a lato è di produzione russa:  

 

NOTA: il termine “cricket” viene alle volte usato come sinonimo di svegliarino d’epoca, si tratta tuttavia di un vero e proprio marchio registrato dalla Vulcain (mi risulta nel 1946): dato che questa è poi confluita nel gruppo MSR, oggi ne fa uso la Revue Thommen

 

 

 

Con l'avvento del quarzo si sono anche realizzati orologi "split" con doppio orario sovrapposto analogico e su display LCD (anche con funzione di cronografo)

Tissot "Two Timer"
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
un modello molto noto con quadrante "split" è stato il Tissot "Two timer", qui in una pubblicità dell'epoca

 

di produzione contemporanea questo CASIO "Film Watch dual time", che trovo anche piuttosto simpatico come linea

 

 

 

 

 

 

 

il nostro segnatempo, oltre all’ora  può indicare la data, il giorno della settimana, il mese: 

 

(in questo modello - di produzione contemporanea- c'è anche il doppio orario)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

l’orologio può anche indicare le fasi lunari, oltre al calendario completo: 

sul quadrante può anche venire indicata la riserva di carica (negli automatici: famosissimo lo Jaeger-Le Coultre “reserve de marche”)

 

oppure i bioritmi, come nel Certina Biostar, qui nella versione "Electronic" cal. ESA 9156 (vedi anche la sezione "movimenti" e "produttori/marchi", alla voce ESA)

 

 

 

 

ma l'orologio può anche servire …

 

 

 

 

 

 

 

a segnare i  punteggi del tennis :   

15, 30, 40 ... gioco

i giochi da 1 a 6 (set!)

la corona nera con la levetta in alto si sposta a destra e sinistra per indicare - con la posizione del tondino bianco - chi è di battuta

 

a proposito di orologi simili, la Fernand Surdez / Surdez, Mathey & Cie. (La Chaux-de-Fonds, 1950 - proprietaria, fra gli altri, del marchio PLAYERS [*]) depositò due brevetti nel 1947, relativi, appunto, a contatori inseriti in un segnatempo ed utilizzabili per registrare, anche - proprio come sopra - set e games in una partita di tennis [**] 

 

nella galleria le prime pagine dei due documenti di privativa ed i disegni ad essi allegati

 

[*] ho documentazione relativa ad un PLAYERS con i quadranti che indicano "corner" e "but" (in Francese: goal)

 

[**] si vedano le parti evidenziate nell'ultima immagine

 

 

 

 

 

 

 

 

 

un segnatempo può anche avere un regolo calcolatore integrato nella lunetta girevole: 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di quest'ultimo genere il modello più famoso è sicuramente il "Calculator" della Heuer, che potete vedere ai seguenti indirizzi:

 

http://www.pistonheads.com/Gassing/topic.asp?h=0&t=1260682&mid=0&nmt=Heuer+Calculator

 

http://heuerheritage.co.uk/#/heuer-calculator/4543783992

 

http://chronoaddict.blogspot.it/2011/05/heuer-calculator-cal15.html

 

 

 

 

 

 

 

oppure avere un calcolatore vero e proprio:

 

 

 

 

 

 

 

l’orologio può  anche contenere un archivio dati, come questo “data bank” (anche se, per gli standard odierni, ha una memoria molto limitata) 

sempre dalla marca giapponese qui sopra sono stati prodotti anche orologi integrati con:

fotocamera (vedi:  http://www.geek.com/hwswrev/conel/wristcam/  )

localizzatore satellitare ( http://www.geek.com/hwswrev/conel/gpswatch/index.htm  )

lettore MP3  (  http://www.geek.com/hwswrev/conel/mp3watch/index.htm   )

 

ve ne sono poi  con il profondimetro, come l’Aquadive electronic con movimento ESA Dynotron cal. 9154 modificato (vedi: movimenti – ESA e: produttori/marchi: Aquadive) o, ad esempio,  l'attuale ORIS "Aquis depth gauge", che potete vedere sul sito della Casa e su una recensione agli indirizzi seguenti:

 

http://www.oris.ch/it/watches/oris-aquis-depth-gauge/01-733-7675-4154-set

 

http://www.wristwatchreview.com/2013/01/25/the-oris-aquis-depth-gauge/

 

ne esistono con il cardiofrequenzimetro (per uso sportivo o allenamento amatoriale) o con termometro (ad es.: Enicar "Thermograph"), e, anche, con termometro ed igrometro, come in un modello attuale prodotto da una Casa tedesca:

 

http://www.scheffler-soehne.de/modelle/T22478-17W.htm

 

possono avere una bussola integrata, perlopiù ad uso sportivo, per spedizioni alpinistiche o simili, come, p.es. il "Landmark" della Revue Thommen (che nel 1988 equipaggiò una spedizione di scalatori  sulla vetta del Lhotse) -   ma, anche,  per chi, secondo la sua religione, si deve orientare verso un certo punto cardinale per recitare le proprie preghiere, vedi la ricerca:

 

https://www.google.it/search?q=dalil+watch&espv=2&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ei=55fUU-mWA6Gm0QWq24CgBw&ved=0CCIQsAQ&biw=1024&bih=513

 

sono stati anche realizzati orologi integrati con un ricevitore radio, se ne possono vedere diversi esempi -alcuni anche bizzarri - su questa pagina (più o meno verso la metà- abbiate pazienza se compare un messaggio pubblicitario):

 

http://www.got-blogger.com/watchismo/?p=741

 

su di un'altra pagina dello stesso forum ... orologi-spia con macchina fotografica nascosta o registratore audio:

 

http://watchismo.blogspot.it/2007/04/subminiature-camera-watches-spy-watches.html

 

-=oOo=-

 

UN VERO OROLOGIO "SVIZZERO"

 

 ... è il modello "Safari"della SICURA, con un coltellino (della nota produttrice svizzera Victorinox) integrato nella cassa

qualcuno lo ha definito "l'orologio subacqueo più pericoloso mai prodotto"

potrebbe sembrare poco più di un gadget (sul genere di quelli che nascondono un accendino ...), ma credo che, utilizzato per uso sportivo, possa avere la sua logica

certo è che se riuscite a trovarne uno sul mercato lo pagate abbastanza caro

se ne parla per esempio su:

 

http://orologi.forumfree.it/?t=69947309

 

su questa pagina se ne possono vedere alcune versioni diverse:

 

http://forums.watchuseek.com/f11/call-all-sicura-owners-828288-11.html

 

altri links:

 

https://70swatchesgallery.wordpress.com/2012/03/14/sicura-safari-smoke-watcher/

 

http://www.watchtime.com/blog/discover-the-most-dangerous-dive-watch-ever-made/

 

http://watchismo.blogspot.it/2007/03/1970-sicura-safari-knife-watch.html

 

-=oOo=-

 

 

particolarmente curioso questo orologino, per il disco concentrico che si può far ruotare per "tirare a  sorte" i numeri della roulette (sul fronte) e del totocalcio o simili (sul retro)

la marca non mi è nota, tantomeno il calibro, comunque è funzionante - pur se in condizioni non perfette

 

anche se ad un livello qualitativo decisamente superiore, sono stati realizzati segnatempo con funzioni simili anche da Case blasonatissime, p.es. da Christophe Claret e Bell & Ross

se ne possono vedere degli esemplari alle pagine:

 

 http://www.ablogtowatch.com/christophe-claret-21-blackjack-watch-revealed/

 

http://www.ablogtowatch.com/bell-ross-br-01-casino-watch/

 

 

-=oOo=-

 

ci sono anche orologi creati per segnare i punteggi del golf, uno per tutti il Cartier Pasha che potete vedere in questa ricerca:

 

https://www.google.it/search?q=cartier+pasha+golf&es_sm=122&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=WFOmVO-7As3eOOrwgMgO&ved=0CAgQ_AUoAQ&biw=1024&bih=513

 

 

come pure cronografi realizzati specificatamente per le regate di vela, con l’indicazione, resa visibile al massimo, a mezzo di settori colorati, degli ultimi 5 minuti prima dello START (p.es.: Aquastar, Heuer “Regatta” etc.)

 

sugli orologi vintage da regata ci sono due siti molto interessanti:

 

http://www.heuerchrono.com/

 

http://www.regatta-yachttimers.com/

 

se ne puo vedere alcune belle immagini, anche del movimento smontato: anche all'indirizzo:

 

http://www.crazywatches.pl/memosail-valjoux-7737-regatta-chronograph-1970

 

sito ufficiale della Aquastar: http://www.aquastar.ch/

 

la Omega ha dedicato alle regate diverse serie dei propri modelli, compresi i Seamaster diver 300m chronograph racing America’s cup:

 

http://www.omegawatches.com/planet-omega/sport/regatta-watches

 

se siete interessati al genere potete anche fare una semplice ricerca per immagini p.es. alla voce “regatta vintage watches” o: “regatta chronograph”

 

alcuni cronografi  hanno contatori tarati su 45’ (al posto degli usuali 30’), forse per cronometrare eventi di tale durata, come le partite di calcio (alcuni modelli "dedicati" possono anche avere p.es. il contatore che segna 60', con il settore dei primi 45' colorato diversamente dagli ultimi 15')

avevano il contatore di 45' p.es. gli storici Universal Genève Compur e Unicompax ed il calibro Angelus 215 (non se espressamente a tale scopo)

si segnalano anche contatori di 15', secondo quanto ho letto ad uso dei copiloti per le manovre di rullaggio

LE SCALE CRONOGRAFICHE

 

A proposito di cronografi, sul quadrante possono comparire diverse  scale: le più diffuse sono quella telemetrica e quella tachimetrica

 

la prima, nata certamente per scopi militari, serviva a misurare la distanza di una bocca da fuoco nemica - per poter regolare i tiri della propria artiglieria - calcolando la differenza intercorsa tra la visione della relativa fiammata ed il momento il cui se ne sente il rombo (data per istantanea la velocità della  luce si basa sul calcolo di quella del suono); oggi p.es. può servire a determinare la distanza di un temporale facendo scattare il crono nell'attimo  in cui si vede il lampo e fermandolo quando si sente il tuono: può essere utile se state facendo una scampagnata e volete vedere se il maltempo si avvicina, per raggiungere, se necessario, un riparo (evitate gli alberi quando ci sono i fulmini!)

 

la seconda misura la velocità disponendo di un percorso con distanze chilometriche determinate; si può usare in autostrada, a velocità costante, per verificare la precisione del tachimetro in dotazione (sono sempre imprecisi e, se vogliamo evitare le multe ...): si avvia al passare di una palina chilometrica e si ferma a quella successiva, il tempo necessario a percorrere un chilometro da' la media oraria. potete anche usarla riferendovi alle pietre miliari (su di una strada statale, però) per rendervi conto di quale velocità riuscite a raggiungere in bicicletta

 

 

nei cronografi  la scala tachimetrica è posta di solito in una corona sul bordo esterno del quadrante e indica, come velcità minore, i 60 Km/h - corrispondenti ad un giro completo della sfera dei cecondi 

la scala telemetrica è concentrica ed indica la distanza fino a 20 Km (un giro intero del quadrante)

 

in alcuni crono d'epoca la scala indica anche velocità inferiori ai 60 Km/h ed è posta al centro del quadrante,  disegnata a spirale (bisogna tenere conto di quanti giri compie la  lancetta dei secondi)

 

 

quadrante con scale riportate in miglia - quella tachimetrica è uguale: se in un minuto si percorre un Km oppure un miglio la velocità oraria sarà sempre di 60 (Km/h o mph), quella telemetrica, invece, arriva a circa 12 e mezzo (esattamente 12,42 - un miglio terrestre sono 1,60 Km circa)

 

 

 

 

 

 

la scala tachimetrica può essere riportata, anzichè sul quadrante,  sulla lunetta girevole -  che normalmente serve ai subacquei per controllare il tempo di immersione in relazione alla riserva d’aria:

 

 

 

si possono trovare  ancora: una scala centesimale per il conteggio dei tempi di produzione in ambito industriale,  scale medicali (pulsometrica e asmometrica per il computo delle pulsazioni e dei respiri) e, una volta, soprattutto nel mondo anglosassone, una scala con unità di 3 minuti per tenere conto degli scatti telefonici – come per esempio nel contatore  qui a fianco sono evidenziati gli indici corrispondenti a 3, 6 e 9 minuti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

vi sono anche scale specifiche ad uso aeronautico, p.es. per il calcolo dei tempi di volo in relazione al vento (una è chiamata E6B, in abbinamento con una ghiera girevole: vedi link in calce alla pagina)

una scala molto particolare - con l'indicazione da 0 a 300, e cioè in unità di 1/5 di secondo, deriva dalla tradizione dei cronografi della marina britannica

qui abbiamo un piccolo cronostop della Bentima (marchio della Oris registrato nel 1924), con cassa prodotta in Inghilterra: 

è visibile la scala 0-300 (anche se c'è qualche riflesso dovuto alla luce)

 

smontato l'orologino la scala si vede meglio sul quadrante "nudo"

 

 

il pezzo scomposto nei suoi elementi principali 

 

 

Last but not least non si può non citare il famosissimo Longines modello Lindbergh “hour angle” per il calcolo della longitudine.

 

al proposito si può vedere ad esempio:

 

http://www.longines.com/virtual-catalogue/longines-info-lindbergh/index.html

 

http://www.orologioblog.net/114/come-funziona-lorologio-angolo-orario-di-longines

 

http://www.orologico.it/dbase/LONGINES_Lindbergh_Angolo_Orario.html

 

http://www.segnatempo.it/pagina.asp?cat=curiosita&prod=lindbergh_c

 

 

 

 

-=oOo=-

 

segnalo un bel sito dedicato agli orologi particolari:

 

http://www.orologistrani.com/polso.htm

 

 

la Longines ha prodotto la riedizione di un modello di cronografo del 1963 con scale medicali:

 

http://www.orologidiclasse.com/2013/longines-asthmometer-pulsometer-chronograph/

 

 

 

 -=oOo=-

 

Un’interessantissima pagina sui regoli calcolatori tascabili d’epoca (con o senza segnatempo):

 

http://sliderulemuseum.com/PocketWatch.htm

 

due pagine che insegnano come farne uso:

 

http://ratfactor.com/circular-slide-rule-watch-tutorial

http://www.ablogtowatch.com/how-to-use-a-watch-bezel-slide-rule/

 

invece, come per imparare ad usare un orologio con calcolatore dei tempi di volo:

http://www.ehow.com/how_8053011_use-flight-calculator-watch.html

orologi-elettrici è su TWITTER:

 

per la navigazione seguire l'indice principale in alto ed i sottoindici a sinistra

 

cliccando sulla foto del Megasonic sopra il titolo si torna alla homepage

 

si può anche andare direttamente alla mappa del sito:

 

cliccare in basso a sinistra (nella fascia blu subito sopra il ©)

 

oppure qui sotto (si apre un'altra finestra)

utilizzando i vari links si apre un'altra pagina o si viene spostati su quella che viene richiamata nell'indirizzo (a seconda delle Vostre impostazioni)

in quest'ultimo caso per tornare indietro utilizzate l'apposito tasto del browser (anche, il "back" della tastiera, oppure alt + freccia sinistra se usate Chrome)

per essere sicuri di aprire il link in una nuova pagina ("scheda" o "finestra") cliccatevi sopra con il tasto destro del mouse ed utilizzate l'opzione corrispondente 

sTO CARICANDO LE PAGINE E LE IMMAGINI UN PO' PER VOLTA

LA TRATTAZIONE DI MOLTI ARGOMENTI E' ANCORA DA COMPLETARE

IL CONTENUTO E' SOGGETTO A MODIFICHE O REVISIONI

CERCHERO' DI DARE CONTO DEI PROGRESSI NELLA PAGINA "CRONOLOGIA" E SU TWITTER

abbreviazioni usate nel testo (autori e fonti):

 

DO = Doensen, “Watch. History of the modern wristwatch” /

doensen.home.xs4all.nl

EL = electric-watches.co.uk

EK = “Elektrik am Handgelenk”

GW = “Complete Price Guide to Watches” 

CW = crazywatches.pl

KN = hknebel.org

HW = hwynen.de

EW = “Electrifying the wristwatch”

RW = "The electric watch repair manual"

EU = "Elektrische und elektronische Uhren"

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2014 - 2017 - F.B.S., Torino, Italia - www.orologi-elettrici.it

questo è un sito amatoriale, senza fini pubblicitari o di lucro
sono state inserite soltanto fotografie scattate personalmente dall'autore o per le quali - se non di pubblico dominio - l'autore ha avuto espressa autorizzazione alla pubblicazione
non vi è alcun collegamento con Case produttrici, rivenditori, distributori e/o relativi marchi