OROLOGI ELETTRICI
OROLOGI ELETTRICI

 

MOVIMENTI : I VARI CALIBRI

 

 

 -=oOo=-

 

 

 

B - ELETTRODINAMICI (elettrici con bobina fissa, controllo a contatto)

 

 

riferimenti:

 

http://electric-watches.co.uk/movement-types/fixed-coil/

 

 

PAGINA 1

 

 

 

1 Lip R 27

 

 

1955: il 1°/9 vengono presentati al salone dell’orologeria di Besançon venti prototipi                     funzionanti del calibro R 27

1957: viene sviluppata e presentata una versione transistorizzata del cal. R 27 , il primo                 orologio da polso a transistor al mondo, che tuttavia non entrerà mai in produzione

1958: il 7/12 viene messo in vendita in Francia per la prima volta il “Lip Electronic” con il               cal. R 27

1959: ricevono la qualifica di cronometro dall’ Observatoire de Besançon il Lip Electronic            e,  anche, un prototipo del calibro R 27 con un transistor e senza contatti  

           meccanici

1960: il Lip Electronic viene venduto in Germania con il marchio Porta-Lip

 

Si tratta del primo orologio elettrico prodotto in Europa ed il secondo al mondo. Il termine “elettronico” è solo parzialmente esatto: contiene in effetti un componente elettronico, un diodo, che ha tuttavia l’unica funzione di proteggere i contatti dalle scintille e che è ininfluente sulle funzioni dell’orologio

 

Furono prodotti circa 7.000 esemplari in tre modelli: Cosmic, Vanguard e Jupiter (i primi due in oro 18 Kt ed il terzo in acciaio cromato)

 

riferimenti:

  

http://electric-watches.co.uk/makers/lip/

 

http://www.hwynen.de/lip.html

 

 

 

nella galleria alcune pubblicità dell’epoca e le immagini di due esemplari che sono stato autorizzato a pubblicare

 

il secondo è stato ripreso smontato con foto dettagliate del movimento

più sotto alcune note su dettagli tecnici

 

[ © masterpemberton2009, by courtesy – per gentile concessione]

[ © crazywatches.pl, by courtesy – per gentile concessione]

 

 

ALCUNI DETTAGLI DEL CAL. LIP R 27

 

in questi orologi al movimento si accede dal fronte, una volta rimosso il vetro (la cassa è monoblocco)

 

nella prima foto qui sotto si vede la parte superiore del motore ed ho evidenziato le viti che consentono di estrarlo, dopo aver tolto anche quadrante e sfere (circoletti gialli)

 

nella seconda si notano: 

- il filo di contatto, con la freccia verde che indica il punto in questo va a toccare la “racchetta” di contatto (“raquette de contact”)

- la ruota dentata che comanda il treno del tempo (freccia gialla)

 

la terza foto mostra il bilanciere e, montata sul suo asse, la camma con:

- il bottone di spinta che ingaggia la ruota dentata (giallo)

- il dito di contatto che chiude il circuito venendo toccato dal relativo filo (verde)

 

[da correggere e completare]

 

 

2 Elgin 722 - 725

 

 

 

1949: Elgin e Lip iniziano una cooperazione tecnica per sviluppare congiuntamente un               orologio elettrico

1952: la Elgin presenta il modello “Electronic” alla stampa internazionale,  

          contemporaneamente alla Lip

1962: nel Luglio viene introdotto sul mercato l’ Elgin Electronic 725, il più piccolo orologio

          elettrico fino ad allora prodotto ed il secondo in assoluto negli Stati Uniti

1974: la Elgin vende il suo intero stock di orologi lla Transtime Corp. (della Waltham

         Watch Company), ed il marchio Elgin viene concesso in uso a quest’ultima per i

         successivi 17 anni

 

I differenti movimenti prodotti sono:

722 – estremamente piccolo (mm 18X15X4), rimane ignoto se sia mai stato venduto. Dovrebbe essere stato prodotto in poche centinaia di esemplari, poi distrutti. Probabilmente venne sviluppato il cal. 725 quando la Elgin si accorse che il 722 era troppo piccolo per soddisfare le esigenze di un orologio da polso.

725 prototipo  - ha una singola batteria e manca un’apertura sul fondello

725  primo modello commerciale: ha due batterie in parallelo per allungare il tempo di funzionamento dell’orologio ed un’apertura per le batterie sul fondello

725 – ultima serie, montata in una cassa più grande

910 – prototipo

 

Sono note quattro modelli di casse, tre più piccole in oro e placcate oro, una più grande in acciaio

 

riferimenti:

 

http://electric-watches.co.uk/makers/elgin/

 

 

 

 

 

sono stato autorizzato a pubblicare le immagini di un calibro 725

 

[ © crazywatches.pl, by courtesy – per gentile concessione]

 

 

[ testo da correggere e completare ]

 

 

 

Landeron 4750-4751-4760

 

 

 

  à  vedi testo separato alla pagina successiva (ELETTRODINAMICI - 2)

 

 


Lip R 148 – R 184

 

 

1962: nel Settembre entra sul mercato il cal. R 148, senza data, sostanzialmente simile

          all’Elgin  cal. 725

         Le prime serie furono prodotte per il mercato americano, il movimento    

         rappresentava un notevole  sviluppo rispetto all’ R 27, aveva una sola batteria ed            era facile da riparare. Fu il primo orologio elettrico affidabile prodotto in Francia in

         grandi numeri

1971: Fred Lip, ultimo discendente di Emmanuel Lipmann, che aveva fondato la Casa

          nel 1867,  diventata poi il maggior produttore francese di orologi, lascia la

          presidenza

1976: dopo anni di cambi di management, rifinanziamenti e difficoltà varie, cessa la

          produzione. Il marchio Lip, venduto  e rivenduto, esiste tuttora, ma non come

         Manifattura,  commercializzando orologi con movimenti ETA e riproduzioni di modelli

         di punta del suo glorioso passato

 

Il movimento R 148 fu montato anche da: Avia, Nivada (cal. 87006), Marvin, Buser, Revue, Vulcain (cal. MSR R 26), Universal (cal. 60), Stowa, Waltham, Benrus, Zentra e d altri

 

Calibri derivati:

R 184 con data, conosciuto anche come “Datolip”, il primo orologio elettrico con datario (dal 1964)

R 196 somigliante all’ R 148 ma senza lancia dei secondi

Fu prodotto anche un movimento sperimentale derivato dal cal. R 148 con transistor e senza contatti meccanici

 

riferimenti / links ad immagini e filmati:

 

http://electric-watches.co.uk/makers/lip/         (calibri R 27 e R 148-184)

 

http://www.crazywatches.pl/lip-r184-datolip-super-nautic-ski-electric-1973

 

(un bel pezzo, ottime fotografie)

 

https://www.youtube.com/watch?v=4fIs0r8iJKg

 

https://www.youtube.com/watch?v=H7NRO1fKiRM

 

https://www.youtube.com/watch?v=FPyJicobTIg

 

 

http://www.montresanciennes.fr/les/leslip.htm

 

(varie gallerie p.es. con diversi nautic ski)

 

http://www.montresanciennes.fr/atelier/restaurations/lejour_nautic_ski.htm

 

(riparazione di un nautik-ski marcato Le Jour)

 

http://watchesz.free.fr/mfa/calibre%20R148.htm

 

(belle immagini, schemi del movimento R 148)

 

 

 

 

il cal. R 148 come rappresentato nel manuale di manutenzione

il circuito elettrico del calibro

LIP R 148:

1 - batteria

2 - collegamento

3 - contatto

4 - filo di contatto

5 - racchetta di contatto

6 - collegamento

7 - terminale di ingresso della bobina

8 - bobina

9 - collegamento a massa

10- diodo

11- nucleo dello statore

12- faccia polarizzata dello statore

13- corno del rotore

14- rotore

15- camma di contatto

16- asse del bilanciere

 

 

 

 

 

lo scappamento del cal. R 148 (dal manuale di manutenzione)

 

 

5 LONGINES cal. 400

 

 

 

nel 1961 la Longines presenta alla fiera di Basilea il “Conquest Electronic” cal. 400, che viene sviluppato nell’anno successivo e ripresentato nel 1963 in una versione con datario. tuttavia non raggiunse mai la produzione

 

citato da: Elektrik am Handgelenk

 

[ testo da completare]

 

 

Porta, PUW

 

della Casa si è già parlato nel capitolo precedente a proposito dei calibri serie 1000

 

nel 1972 introduce il "Ladychron" calibro 3000, venduto anche da Pallas-Ormo, Elgin, Fleurier, Gruen, Helbros, Helvetia, Invicta, Solvil & Titus, Sandoz e Waltham

 

elettrodinamico con controllo a contatto, viaggia a 28800 A/h, prodotto nelle versioni:

cal. 3000: solo tempo

cal. 3001: data

cal. 3002: giorno/data

 

il calibro è visibile sulla preziosa pagina di Ranfft:

 

http://ranfft.de/cgi-bin/bidfun-db.cgi?01&ranfft&168&2uswk&PUW_3000

 

[testo da completare]

 

 

orologi-elettrici è su TWITTER:

 

per la navigazione seguire l'indice principale in alto ed i sottoindici a sinistra

 

cliccando sulla foto del Megasonic sopra il titolo si torna alla homepage

 

si può anche andare direttamente alla mappa del sito:

 

cliccare in basso a sinistra (nella fascia blu subito sopra il ©)

 

oppure qui sotto (si apre un'altra finestra)

utilizzando i vari links si apre un'altra pagina o si viene spostati su quella che viene richiamata nell'indirizzo (a seconda delle Vostre impostazioni)

in quest'ultimo caso per tornare indietro utilizzate l'apposito tasto del browser (anche, il "back" della tastiera, oppure alt + freccia sinistra se usate Chrome)

per essere sicuri di aprire il link in una nuova pagina ("scheda" o "finestra") cliccatevi sopra con il tasto destro del mouse ed utilizzate l'opzione corrispondente 

sTO CARICANDO LE PAGINE E LE IMMAGINI UN PO' PER VOLTA

LA TRATTAZIONE DI MOLTI ARGOMENTI E' ANCORA DA COMPLETARE

IL CONTENUTO E' SOGGETTO A MODIFICHE O REVISIONI

CERCHERO' DI DARE CONTO DEI PROGRESSI NELLA PAGINA "CRONOLOGIA" E SU TWITTER

abbreviazioni usate nel testo (autori e fonti):

 

DO = Doensen, “Watch. History of the modern wristwatch” /

doensen.home.xs4all.nl

EL = electric-watches.co.uk

EK = “Elektrik am Handgelenk”

GW = “Complete Price Guide to Watches” 

CW = crazywatches.pl

KN = hknebel.org

HW = hwynen.de

EW = “Electrifying the wristwatch”

RW = "The electric watch repair manual"

EU = "Elektrische und elektronische Uhren"

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2014 - 2017 - F.B.S., Torino, Italia - www.orologi-elettrici.it

questo è un sito amatoriale, senza fini pubblicitari o di lucro
sono state inserite soltanto fotografie scattate personalmente dall'autore o per le quali - se non di pubblico dominio - l'autore ha avuto espressa autorizzazione alla pubblicazione
non vi è alcun collegamento con Case produttrici, rivenditori, distributori e/o relativi marchi