OROLOGI ELETTRICI
OROLOGI ELETTRICI

 

OPERAZIONI "CHIRURGICHE" SU ALCUNI TIMEX

 

-=oOo=-

 

 

scrivo questo testo successivamente a quanto riportato nelle pagine intitolate "ESA DYNOTRON - piccoli problemi e soluzioni"

 

mi è capitato di acquistare dei TIMEX (con movimenti elettromeccanici puri, elettronici a bilanciere controllato da quarzo o quarzi veri e propri), esemplari fondi di magazzino in condizioni NOS ma senza garanzia di funzionamento

 

l'acquisizione è vvenuta in due tempi: tre esemplari li ho presi nel Gennaio 2016 ed altri tre nell'Aprile

 

quasi tutti presentavano dei problemi - più o meno rilevanti - ed avevo riportato gli interventi per il loro ripristino sulla homepage alla rubrica "NEWS"

 

nello sfoltire la pagina iniziale del sito, trascrivendone il testo sotto "cronologia" (come faccio periodicamente, senza le fotografie) mi dispiaceva che andasse persa la cronaca dei miei sforzi per risistemare i diversi pezzi e le varie foto delle "operazioni chirurgiche" eseguite

 

ho quindi pensato di creare questa nuova pagina, se può essere di interesse per qualche appassionato privo di preparazione come me

 

con la debita premessa che, appunto, non sono un tecnico del settore e le mie – limitate – conoscenze mi derivano dalla curiosità, un po’ di pratica e la lettura di testi specifici, manuali di manutenzione compresi

 

in particolare, poi, quando ho cominciato ad "affrontare" i movimenti TIMEX, devo confessare che li conoscevo ben poco nel dettaglio

 

dunque riporto qui sotto, pari pari, la descrizione e le immagini che avevo inserito nelle "NEWS" 

 

-=oOo=-

 

 

innanzitutto le foto dei primi tre pezzi come si presentavano all'acquisto

 

15-17 Gennaio [2016]:  ho esaminato i due TIMEX quartz ed il TIMEX Electric acquistati il giorno 10 ed arrivati il 15, ed ho scattato qualche foto

come dicevo, sono fondi di magazzino con scatola e documenti originali, ma acquistati senza garanzia di funzionamento

 

- l'Electric ha subito una brutta perdita di acido dalla batteria (foto 1), vedremo il da farsi (...)   [è un calibro M40, lo riparerò poi nel Maggio - si veda alla fine della pagina]

 

- quanto al "Quartz" di forma placcato oro: esternamente è perfetto e non ne ho visti molti di questo modello (2)

il cinturino era in gomma: negli anni si è seccato e, appena toccato, è andato in pezzi (3); in parte si è anche "fuso" lasciando macchie gommose verdi (?), ne ho evidenzate alcune nella quarta immagine (circoletti gialli)

minima traccia di ossidazione sulla linguetta di contatto del polo negativo (foto 5, cerchietto giallo)

il movimento è protetto da un carterino in plastica attraverso il quale passa la tige, per aprirlo occorre togliere quest'ultima facendo pressione con una punta arrotondata all'interno del foro evidenziato in verde

 

foto 6: all'interno del circoletto giallo si vede la linguetta (color ottone) che tiene serrata la tige inserendosi nella scanalatura evidenziata nel cerchio verde (a destra)

circa il movimento (che non ho ancora testato), deve trattarsi del calibro M 43, che non ha un vero e bilanciere, ma un elemento oscillante ad ancora - sempre mosso elettromeccanicamente, che scatta una volta al minuto [testo corretto il 18 Gennaio]

lo si vede all'interno del cerchio azzurro

se ne parla per esempio su:

http://www.uhrwerksarchiv.de/movements/movements-t/movements-t-timex/581-timex-m43.html

interessante, in quella pagina, il richiamo al brevetto USA per questo movimento:

https://www.google.com/patents/US4128992

peraltro, nel testo del documento di privativa, si cita un preesistente calibro della Arctos (dovrebbe essere il 375, simile nella struttura)

il sito KN lo cita come "880" (forse era questa la numerazione datagli dalla LACO/Durowe):

http://www.hknebel.org/Uhren/html/timexquartz.html

il testo EK lo pubblica alle pagine 360-361 senza indicare una numerazione del calibro

 

foto 7, il fondello e l'etichetta che vi era incollata: il testo è in tedesco e vi si dice: "questo orologio è alimentato da batteria. quindi, se mai non funzionasse perfettamente, come prima cosa pensate ad una sostituzione della batteria" 

 

- "Quartz" tondo cromato: il quadrante è molto bello, sembra nero ma è di un blu molto scuro (con una fascia esterna grigia)

foto 8: il movimento, molto pulito, dovrebbe essere un M65 (il circuitino è avvitato di lato e non ha trimmer di regolazione)

ha stentato parecchio ad avviarsi, marciando dapprima per pochi secondi, poi qualche minuto

ho provato più e più volte a dare e togliere il contatto finché, alla fine, si è "sciolto" ed ha preso a viaggiare regolarmente e con buona precisione; l'ho tenuto per più di un giorno aperto con la batteria appoggiata in modo che facesse contatto, prima di richiuderlo (foto 9: si vede il bilanciere che gira - freccia gialla - e la relativa molla che si contrae/distende - freccia verde)

 

almeno questo è già a posto (carico le foto anche sotto "Timex" ed alla voce "movimenti - i vari calibri - D) - bilanciere/quarzo - 2" 

gli ho messo un cinturino in pelle bicolore (blu/nero) al posto del suo bracciale elastico in metallo (che non mi piaceva)

penso faccia la sua bella figura (foto 10 e 11)

 

[ l'ho fotografato di nuovo il 18/1: forse in questa immagine si vedono un po' meglio i colori del quadrante, foto 12  (mi dimentico sempre di regolare la data) ]

 

(continua)

 

(*) 18 Gennaio, correggo la descrizione del calibro M 43: avevo scritto (fraintendendo un testo in lingua straniera) che l'elemento oscillante scatta una volta al (minuto) secondo, mentre ciò avviene ogni minuto (primo) 

è curioso vedere scattare la lancetta dei minuti (normalmente, nei movimenti al quarzo, è la trotteuse che si muove di secondo in secondo)

d'altronde si trattava di un calibro studiato proprio per essere economico, come si legge anche nella licenza di privativa (si veda il link riportato sopra)

per completezza carico le immagini allegate appunto al brevetto (foto 1 e 2): ai numeri 4 e 5 si vedono le posizioni che assume il cosidetto "elemento ad ancora": la rotazione a scatto è di pochi gradi

quanto all'orologio, dopo una bella pulizia, sta funzionando regolarmente. lo terrò sotto controllo ancora un po' prima di richiuderlo

 

19 Gennaio: il Timex M43 è a posto: gli ho abbinato un cinturino più allegro di quello originale, rispettandone comunque le misure (19-14), in maniera di poter utilizzare la sua fibbietta

il risultato è più che soddisfacente, come si vede nelle  immagini 3 e 4: anche se si tratta di un pezzo non di particolare pregio (ma interessante tecnicamente), in questo modo viene anche valorizzato

 

ho anche scannerizzato la copertina e le prime pagine del libretto che accompagnava il pezzo (foto 5 e 6): nel testo evidenziato dal riquadro verde si legge: "questo orologio misura il tempo silenziosamente (non è udibile alcun ticchettìo) e pertanto il suo funzionamento può venire osservato solo sulla lancetta dei minuti, che si muove in avanti passo passo ogni minuto"

 

 

 

 

ora passiamo al secondo lotto, acquistato il 4 Aprile 2016

 

nella galleria le foto dei tre pezzi come si presentavano all'acquisto, poi le note riportate di volta in volta nelle news, con le altre immagini alle quali si riferiscono

 

 

 

15 Aprile: sono arrivati dalla Germania i tre TIMEX acquistati il giorno 4

 

come già quelli comprati a Gennaio si tratta di fondi di magazzino NOS con scatola e documenti, tuttavia venduti senza garanzia di funzionamento 

 

partiamo dalle notizie meno buone: il "Quartz" appare in perfette condizioni estetiche ma ha subito una perdita di acido che sembra averne compromesso il movimento (foto 1 e 2)

 

il primo dei due "Electric" (M 41, foto 3 e 4), anch'esso molto bello esternamente, ha avuto lo stesso problema ma appare recuperabile (vedremo ...)

 

l'altro [M 40] è perfetto, il movimento si presentava pulito ed è ripartito subito

per ora lo tengo "sotto osservazione", comunque l'ho richiuso egli ho cambiato il cinturino con uno vintage dall'aspetto elegante - in fondo credo che questo "vecchietto"  se lo meriti (comunque il suo, di colore nero, oltre ad essere piuttosto anonimo, è anche un po' indurito per l'età)

credo che il pezzo faccia la sua figura (foto da 5 a 12)

 

[nota: dopo una piccola regolazione si dimostra più che preciso nonostante i suoi anni]

 

 

18 Aprile: ho smontato il TIMEX "Electric" M 41 che mostrava segni di perdita di acido, seguiranno foto

 

20-21 Aprile: come ho scritto l'altro giorno sto rimettendo in funzione il TIMEX "Electric" [M 41]

è un movimento che conosco poco, vediamo se riusciamo a sistemarlo

 

qui di seguito qualche immagine:

 

1 -  l'orologio smontato nelle sue parti principali, dopo una bella pulizia

2 -  la cassa (lato fondello)

3 -  l'interno del fondello

4 -  il movimento, lato quadrante

5 -  il movimento, ripulito dalle tracce di ossido, sembra in ordine ma non parte: dove sarà il problema?

6 -  il quadrante e le lancette, smontati

7 -  ecco la sorpresa! l'acido è finito fra il quadrante e la platina (ahinoi)

8 -  il movimento, lato quadrante, un volta rimosso il disco data

9 -  dovremo sostituire il movimento: le parti da recuperare al "lavaggio"

10- un movimento di ricambio nel suo scatolino

11- vecchio e nuovo a confronto

12- il movimento di ricambio in funzione "al banco" (la foto è un po' fuori fuoco, meglio non mi viene, ma si vede che il bilanciere gira regolarmente)

 

[continua]

 

27 Aprile: TIMEX Electric M 41 [seconda puntata]

 

battuta d'arresto nelle riparazioni: lavati nel petrolio gli elementi che abbiamo recuperato (ruote delle ore e dei minuti, ingranaggio e molla di fermo cambio data), devo trovare un altro disco data, il suo è stato rovinato dalla perdita di acido (vedi foto) 

 

intanto ho cercato un cinturino che possa andar bene (non penso di rimettergli il bracciale originale, che, come materiale, è un po' "leggero" - a parte che, personalmente, non mi piace): mi sono orientato su di un "rally" in pelle nera - che deve arrivare 

[foto inserita il 3 Maggio]

 

[continua]

 

2 Maggio: ho trovato un disco data per il TIMEX M41, domani ne faccio una foto e, se riesco, proseguo con la riparazione

3 Maggio: è arrivato il cinturino rally nero per il TIMEX M41: sostituisco l'immagine provvisoria inserita il 27 Aprile [nella galleria più sopra] e ne aggiungo un altro paio, anche per dare un'idea del risultato una volta montato sulla cassa

 

4 Maggio: inserisco nella galleria una foto del nuovo disco data per il TIMEX M41 (accanto al vecchio, danneggiato)

non sono ancora riuscito ad andare avanti con il rimontaggio 

 

 

10 Maggio: ho ripreso in mano il TIMEX M41

 

il meccanismo di cambio data è molto semplificato, una volta rimontati i vari elementi è lo stesso quadrante a tenere fermo il tutto

stringendo quindi le quattro linguette che lo fissano alla platina tende ad incurvarsi al centro, così, rivoltandolo per inserire la tige, qualcosa va fuori posto (di solito la molla di fissaggio del disco data)

bisogna tenere presente che, per  rimettere le lancette nella giusta posizione, è  necessario ruotare la corona fino a quando viene ingaggiato il cambio data, in maniera da "individuare" il punto in cui il movimento "segna" la mezzanotte, e forse è anche questa operazione che contribuisce a complicare le cose

sto quindi cercando di rimontare il tutto direttamente nella cassa (con la sua tige già montata), in maniera di reinserire poi il vetrino (che dovrebbe fare pressione sul quadrante in modo uniforme) tenendo sempre il movimento in orizzontale

nelle foto sotto: 

- il risultato del primo rimontaggio (ancora con la tige "in dotazione" al movimento nuovo che abbiamo sostituito)

- idem, visto lateralmente (da ore 3): l'immagine è un po' fuori fuoco, ma ho evidenziato con una freccia arancio lo spazio che rimane fra il quadrante e la platina (nei cerchi gialli le linguette di fissaggio del dial)

- il retro del dial con le quattro linguette di fissaggio

- la prima fase del rimontaggio all'interno della cassa: il movimento completo con la sua tige 

 

vedremo ...

 

15-16 Maggio: ho finito di sistemare il TIMEX M41, alcune immagini nella galleria (non sono venute benissimo, mi riesce proprio difficile inquadrare un quadrante scuro)

 

comunque, sono piuttosto soddisfatto del risultato

non ho fatto altre foto durante il rimontaggio finale 

 

 

21-22 Maggio: ho ripreso in mano il TIMEX M40 acquistato a Gennaio e danneggiato per una perdita di acido dalla batteria

l'ho smontato per sostituirne il movimento, farò seguire delle foto

al momento, e per semplicità di discorso, riporto qui sotto le immagini già pubblicate

 

 

28-29 Maggio: ho risistemato il TIMEX M40 di cui parlavo il 21-22 Maggio

qui sotto una foto delle varie parti pronte per il rimontaggio ed un dettaglio del movimento "nuovo"

si può notare come il trizio della sfera dei minuti, rimasta ferma per anni nello stesso punto, abbia lasciato una macchia sul quadrante vicino ad ore 1

 

30 Maggio: ho finito di sistemare il TIMEX M40 e gli ho montato un cinturino un po' allegro

vedi foto nella galleria

oltre alla macchietta sul quadrante un altro piccolo difetto: le sfere hanno perso una parte del trizio

comunque sono soddisfatto del risultato finale (l'orologino si sta anche dimostrando piuttosto preciso)

 

-=oOo=-

 

adesso sono 6 i TIMEX "Electric" da polso funzionanti, ne ho preso nota nella tabella "calibri base e modelli" (alla pagina "movimenti: i vari calibri")

peraltro c'è ancora un "Quartz", facente parte del lotto acquistato ad Aprile, sul quale devo provare a mettere le mani (rimando a note ed immagini del 15/4)

 

orologi-elettrici è su TWITTER:

 

per la navigazione seguire l'indice principale in alto ed i sottoindici a sinistra

 

cliccando sulla foto del Megasonic sopra il titolo si torna alla homepage

 

si può anche andare direttamente alla mappa del sito:

 

cliccare in basso a sinistra (nella fascia blu subito sopra il ©)

 

oppure qui sotto (si apre un'altra finestra)

utilizzando i vari links si apre un'altra pagina o si viene spostati su quella che viene richiamata nell'indirizzo (a seconda delle Vostre impostazioni)

in quest'ultimo caso per tornare indietro utilizzate l'apposito tasto del browser (anche, il "back" della tastiera, oppure alt + freccia sinistra se usate Chrome)

per essere sicuri di aprire il link in una nuova pagina ("scheda" o "finestra") cliccatevi sopra con il tasto destro del mouse ed utilizzate l'opzione corrispondente 

sTO CARICANDO LE PAGINE E LE IMMAGINI UN PO' PER VOLTA

LA TRATTAZIONE DI MOLTI ARGOMENTI E' ANCORA DA COMPLETARE

IL CONTENUTO E' SOGGETTO A MODIFICHE O REVISIONI

CERCHERO' DI DARE CONTO DEI PROGRESSI NELLA PAGINA "CRONOLOGIA" E SU TWITTER

abbreviazioni usate nel testo (autori e fonti):

 

DO = Doensen, “Watch. History of the modern wristwatch” /

doensen.home.xs4all.nl

EL = electric-watches.co.uk

EK = “Elektrik am Handgelenk”

GW = “Complete Price Guide to Watches” 

CW = crazywatches.pl

KN = hknebel.org

HW = hwynen.de

EW = “Electrifying the wristwatch”

RW = "The electric watch repair manual"

EU = "Elektrische und elektronische Uhren"

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2014 - 2017 - F.B.S., Torino, Italia - www.orologi-elettrici.it

questo è un sito amatoriale, senza fini pubblicitari o di lucro
sono state inserite soltanto fotografie scattate personalmente dall'autore o per le quali - se non di pubblico dominio - l'autore ha avuto espressa autorizzazione alla pubblicazione
non vi è alcun collegamento con Case produttrici, rivenditori, distributori e/o relativi marchi